• Digital Transformation: cos’è e a cosa serve?

    Ogni giorno si sente parlare di Digital Transformation o trasformazione digitale. Si tratta di un’espressione ricorrente che talvolta però si fatica a comprendere del tutto. Può sfuggire, per esempio, il significato o come possano essere declinate le sue potenzialità. Queste strategie, sebbene presentino problemi talora difficili, offrono vantaggi più proficui. Consentono, infatti, all’azienda di diventare più efficiente e agile, proprio perché potenziata delle tecnologie emergenti e dalla loro rapida espansione nelle attività umane.

    Se vuoi avere opportunità di sviluppo e di crescita per la tua azienda, è arrivato il momento di ricorrere alla Digital Transformation.

    Digital Transformation: Definizione

    La digital transformation nasce in un contesto di profondo cambiamento sociale e digitale. Riformulare e riorganizzare il modo di organizzare la propria attività non è mai una scelta facile, ma con le giuste competenze e le opportune strategie è quasi sempre la scelta più fruttuosa. Cambiare la natura di un’azienda significa rivedere il modo di lavorare e di approcciarsi al lavoro. Si vanno a scardinare i processi di lavorativi quotidiani, riformare la mente adattandola a nuove competenze.

    Quando si parla di Digital Transformation si fa riferimento a quel processo di integrazione delle tecnologie digitali in tutti gli aspetti del business. Combinare i vari campi delle tecnologie digitali adattandoli a un modello aziendale, impatta positivamente sullo sviluppo e sulla crescita del business. Una scelta che oggi come oggi si rivela sempre più prioritaria. Adattarsi al mondo digitale significa camminare di pari passo con una società protesa verso il futuro l’innovazione.

    I 6 pilastri della Digital Transformation

    Sembra ormai chiaro che la Digital Transformation diventerà sempre più parte integrante della nostra vita. Abbiamo visto come i suoi risultati non investono solo il mondo digitale, ma fanno parte della quotidianità personale di ognuno di noi. Non si tratta quindi solo riorganizzare il lavoro, ma di reinventare la mente. Per compiere con successo questo passo, è necessario capire quali siano i pilastri su cui questa rivoluzione si poggia.

    I 6 pilastri della digital transformation

    I sei pilastri della Digital Transformation sono:

    Cultura

    Esperienza del cliente

    Persone

    Innovazione

    Cambiamento

    Leadership

    Vediamoli uno per uno.

    Cultura

    Il primo passo non rientra nel mondo della tecnologia, per avviarsi verso una strategia di successo il primo step è la cultura. Definire quale la tipologia culturale per la propria azienda deve essere il passo iniziale per organizzare il lavoro: scegliere una cultura al passo col cambiamento, che stimoli, che incoraggi e che porti avanti l’obiettivo primario del business tra le complicazioni e le sfide.

    Esperienza del cliente

    L’esperienza del cliente o Costumer Experience deve essere messa al primo posto. Perché? Semplice, tutto quello che viene fatto, viene fatto sempre per il cliente. Il buyer’s jourey è alla base del rapporto tra acquirente e venditore. Il desiderio del cliente deve essere corrisposto e posizionato al centro dell’organizzazione dell’azienda. Una negativa customer experience potrebbe portare alla perdita del cliente, al contrario un rapporto fondato sulla realizzazione e anticipazione dei bisogni del buyer apporta grandi vantaggi per l’azienda.

    Persone

    Focalizzarsi sul giusto team determina il successo dell’azienda. È questo l’investimento più importante. Affidarsi a persone di talento, con competenza e che sappiano pensare in grande. Occorre quindi determinare un budget annuale da destinare al potenziamento del proprio organico, attraverso percorsi di strategia che mirino alla formazione e alla cultura. La riuscita di un’attività dipende dal grado di consapevolezza e coinvolgimento dello staff.

    Innovazione

    “Stay hungry, stay foolish” era il motto di Steve Jobs, l’esempio più concreto di come un solo uomo possa influenzare con i propri ideali un’intera compagnia.

    Un improvviso lampo di genio è in grado di determinare il successo del business. Questa è l’innovazione che non deve essere però affidata al caso. Un team addetto deve saper ideare nuovi processi, nuovi prodotti, nuovi modi di pensare e di operare. Solo così si può davvero rivelare il cambiamento dell’azienda: un’inversione di rotta verso migliori prestazioni, entrate e servizi.

    Cambiamento

    Cambiamento e trasformazione non sono la stessa cosa. Cambiare può essere difficile, complesso e doloroso, ma è sempre gratificante e stimolante. La capacità di adattarsi e cambiare in modo rapido, sicuro ed efficace costituisce una grande percentuale del processo di digitalizzazione. Viviamo in un modo digitale in continua evoluzione, per questo motivo operare con uno staff agile, aperto al nuovo, con strumenti fidati e fluidi è ormai diventato un obbligo se si vuole crescere a livello professionale e personale. 

    Leadership

    Ultimo per ordine ma non per importanza è il CEO. Il successo del cambiamento è determinato da persone che sappiano guidare il proprio staff incrementando e stimolando la sua crescita e la sua curiosità. Tra le caratteristiche di una buona leadership non possono mancare le capacità di coordinare rapporti, incoraggiare le iniziative e saper gestire le varie situazioni. Guidare un’azienda significa essere forti di una leadership riconosciuta.  

    Cosa fa un Digital Transformation Manager?

    Abbiamo finora parlato della Digital Transformation e abbiamo visto i pilastri per ottimizzare l’esperienza decretandone il successo. Ma cosa fa di preciso un Digital Transformation Manager? Qual è il suo compito principale? Il suo scopo è quello di occuparsi della gestione e del cambiamento del modello aziendale. Deve saper interpretare i processi di produzione e la mentalità dei lavoratori per orientare il business verso un’apertura al digitale. Collaborare con i vari settori ed entrare in contatto con realtà diverse prevede un lavoro che si qualifica su più fronti e un’ottima conoscenza divisa in molteplici ambiti del sapere. Il Digital Transformation Manager deve saper operare nel campo tecnico, manageriale e organizzativo, dimostrando di essere in possesso di skills che si addicono al suo ruolo, quali:

    • Gestione degli apparati digitali;
    • Comprendere la mission aziendale e tradurla nell’ottica digitale;
    • Conoscenza del mondo del marketing e della comunicazione;
    • Capacità di osservare i cambiamenti per sfruttarli a vantaggio dell’azienda;
    • Capacità di creare una rete di relazioni per migliorare l’ambiente di lavoro.

    Grazie al suo lavoro il business sarà in grado di orientarsi verso l’innovazione.

    Esempi di Digital Transformation di successo

    Cambiare la natura di un’azienda significa far parte di un cambiamento che può inizialmente spaventare. Gli esempi di Digital Transformation che vedremo saranno però di ispirazione per dimostrare come in realtà con una giusta dose di fiducia anche il vostro passaggio al digitale potrà essere semplice ed efficace, indipendentemente dalla grandezza e dall’attuale grado di digitalizzazione della vostra attività.

    Verranno esplorati quattro business, italiani, europei e americani, per evidenziare come la trasformazione digitale si presenti nei diversi ambiti e a diversi livelli.

    Eataly

    In 15 anni l’azienda di Oscar Farinetti è diventata sinonimo di garanzia. Con catene di negozi in tutto il mondo e con migliaia di addetti, Eataly continua a guardare avanti rispondendo sempre in modo pronto all’evoluzione e alla qualità della sua attività.

    Il suo modello integra l’efficienza della prestazione con l’interazione del cliente anche da remoto: dal semplice shop online alla mixed reality. Un esempio di trasformazione digitale che mira a coordinare l’entrata nel mondo della rete con la natura dell’azienda stessa, senza mai snaturare l’anima del business. Eataly, infatti, non solo continua ad offrire ai suoi clienti un bagaglio di offerte e informazioni di primissima scelta, ma lo rende partecipe dei propri acquisti a 360 gradi accompagnandolo nella scoperta di nuovi orizzonti.

    Netflix

    Il mondo della visione in streaming ha annientato un modello di intrattenimento che fino a pochi anni fa sembrava imbattibile. Il fallimento di Blockbuster è evidente dall’enorme quantità di film e serie tv disponibili in un solo click.

    Oggi Netflix vanta oltre 20 milioni di entrate, riferito al 2020, prova della prontezza dell’azienda nell’analizzare costantemente dati, abitudini e gusti di clienti. Un grande esempio di Digital Transformation che si riscontra non soltanto a livello economico, ma anche a livello qualitativo. Netflix è infatti entrato a far parte dei giganti della produzione, assicurandosi prestigiose nominations ai più importanti riconoscimenti televisivi e cinematografici.

    Ford Motor Company

    Nella prima metà del 2005 Ford aveva perso 1,4 miliardi di dollari. La crisi era sempre più vicina con 25 mila posti di lavoro tagliati e numerose fabbriche chiuse. Era pronta alla bancarotta, ma in una manciata anni è stata capace di recuperare terreno imponendosi tra i colossi della mobilitazione.

    Il caso Ford è l’esempio lampante di Digital Transformation di successo. Ha intrapreso una serie di misure con un obiettivo chiaro: riprendere in mano la situazione. Il piano prevedeva ridurre i costi di produzione, incentivare le vendite e avviarsi verso la trasformazione digitali. L’enorme mole di produzione incentivata dalle misure digitali, quali i sistemi MyFord Touch e Ford SYNC, ha determinato il grande successo del cambiamento. L’innovazione della linea e dei meccanismi di marketing ha prodotto il risanamento dell’azienda che è entrata nella top ten delle case automobilistiche che hanno venduto più auto al mondo.

    La LEGO

    Digital Transformation - Lego

    La LEGO è un caso simile a quello della Ford. Il piccolo falegname di Billund, Ole Kirk Christiansen, non avrebbe mai immaginato che i suoi mattoncini sarebbero diventati il giocattolo più famoso al mondo. Quella della LEGO è una storia di crescita, lavoro e impegno costante, ma non è sempre andato tutto liscio. Nel 2004 il rischio crisi era dietro l’angolo, se non fosse stato per la prontezza di riadattarsi e la volontà di rimettersi in gioco. Tra le numerosissime proposte, dall’acquisto dei diritti per riprodurre personaggi di famose serie cinematografiche, come Harry Potter o Star Wars, alla razionalizzazione delle unità di stoccaggio, l’azienda è uscita a testa alta da quello che sembrava il baratro. Tutto ciò però non sarebbe stato possibile senza un grande team di comunicazione digitale che ha garantito alla LEGO una presenza marcata e sensazionale nel mondo del web.

    Digital Transformation: il bando del MISE

    La trasformazione digitale è un processo che riguarda l’individuo non soltanto nel contesto aziendale. L’impatto del mondo digitale non si esaurisce a mera applicazione dei sistemi economici; questo processo si riversa verso modelli organizzativi più ampi, quali governi, agenzie pubbliche e organizzazioni mondiali deputate all’affrontare sfide della società contemporanea (sviluppo sostenibile, crescita demografica, ecc.). Per questo motivo, il Ministero dello sviluppo economico ha messo a disposizione incentivi e agevolazioni finalizzate a sostenere la Digital Transformation con progetti diretti a implementare le varie tecnologie digitali.

    Il finanziamento e le agevolazioni sono garantiti da bandi ministeriali che incentivano lo sviluppo e l’innovazione.

    Perché rivolgersi ad un’azienda?

    Saper gestire una tabella di marcia in grado di corrispondere a tutte le esigenze di un’azienda che voglia guardare al futuro, rinnovarsi senza perdere la propria natura non è cosa semplice. Abbiamo già visto come la Digital Transformation sia in grado di apportare sostanziali agevolazioni, ma i risultati migliori sono possibili solo se condotti da un team esperto e dinamico. La nostra agenzia gode di un profilo professionale in grado di definire le strategie efficaci della trasformazione digitale. L’obiettivo principale della Net Pairing Communication è mettere il cliente a proprio agio, sviluppando per lui modelli e processi che portino al successo della sua azienda.

    29/07/2021